Tutto
Mostra
Danza
Musica
Rendez-vous
Cinema
Partner principali
Calendario e informazioni >
X Chiudi

9.11–17.12
2017

Sala 4

A cura di Marco Müller
con Deepti DCunha e
Iyesha Geeth Abbas

Singolo programma 

Intero: CHF 8.— 
Ridotto Studenti/ Apprendisti: CHF 5.— 
Ridotto AVS/ AI: CHF 5.—

Abbonamento 
Intero: CHF 50.-- 
Ridotto Studenti/ Apprendisti: CHF 30.— 
Ridotto AVS/ AI: CHF 30.— 

 

L'abbonamento è acquistabile unicamente presso la biglietteria del LAC (Ma–Do 10:00 – 18:00).

Le due proiezioni di "Pakeezah" sono grauite. I biglietti sono disponibili su prenotazione e vanno ritirati il giorno prima della proiezione.


Una rassegna realizzata dall’Associazione Cinergia in collaborazione con la Cinémathèque suisse e le principali istituzioni indiane: il Ministry of Information and Broadcasting, il National Film Archive of India, la Films Division, la National Film Development Corporation of India, il Ministry of External Affairs e l’Indira Gandhi National Institute for the Arts

A cura di
In collaborazione con

Scarica il programma della Rassegna
1.5 MB  pdf
Biglietti >

Affinità elettive. India 1947-2017:

il cinema e gli altri linguaggi delle arti

Cinema

Il rapporto fra il cinema modernista e quello visionario dell’India contemporanea, insieme ai linguaggi espressivi della tradizione, sono indagati in un’inedita rassegna cinematografica, Le affinità elettive: venti programmi sulle arti visive, l’architettura, la musica, il teatro e la danza.

Il rapporto fra il cinema modernista e quello visionario dell’India contemporanea, insieme ai linguaggi espressivi della tradizione, sono indagati in un’inedita rassegna cinematografica, Le affinità elettive: venti programmi sulle arti visive, l’architettura, la musica, il teatro e la danza. Un percorso di settant’anni in totale di storia dell’India, per esplorare i numerosi e mutevoli aspetti del continente indiano guidati per mano dalla settima arte.


Tutti i film della rassegna sono sottotitolati in lingua inglese

La lingua delle tavole rotonde è l'inglese.


Giovedì 9 novembre


ore 16:30
Cerimonia di apertura
Kalpana/Imagination (Uday Shankar, 1948, 160’, Hindi)
R. Sa 16.12, 15:00

ore 20:30
Pakeezah/The Pure (Kamal Amrohi, 1972, 147’, Urdu)
R. Do 03.12, 20:30


Venerdì 10 novembre


ore 16:00
Jangarh Film Ek/Jangarh Film One (Amit Dutta, 2008, 24’, Hindi)
Gitagovinda (Amit Dutta, 2013, 35’, Senza dialoghi)
Chitrashala/House of Paintings (Amit Dutta, 2015, 20’, Senza dialoghi)
R. intero programma Do 12.11, 20:30 e Ve 01.12, 16:00

ore 18:00
Museum of Imagination (Amit Dutta, 2012, 20’, Senza dialoghi)
Saatvin Sair/The Seventh Walk (Amit Dutta, 2013, 70’, Senza dialoghi)
R. intero programma Sa 02.12, 16:00

ore 20:30 
Navrang/Nine Colours (V. Shantaram, 1959, 157’, Hindi)
R. Lu 04.12, 20:00


Sabato 11 novembre


ore 14:00
Indian Film: A Global Heritage for the Arts?
partecipano: Deepti DCunha e Iyesha Geeth Abbas
modera: Marco Müller
Incontro aperto al pubblico. Entrata libera.

ore 16:00
And I Make Short Films (S.N.S Sastry, 1968, 16’, Inglese)
Amir Khan (S.N.S Sastry, 1970, 19’, Urdu)
Raga 1 India, Raga 2 India (S.N.S. Sastry, 1974, 6’, Senza dialoghi)
Moments with the Maestro (Pramod Pati, 1970, 17’, Inglese)
Ustad Alla Rakha (Chandrashekhar Nair, 1970, 12’, Urdu)
R. intero programma Do 12.11, 18:30

ore 18:15
Through the Eyes of a Painter (Maqbool Fida Husain, 1968, 18’, Senza dialoghi)
Forms and Design (Mani Kaul, 1968, 11’, Inglese) R. Sa 18.11, 16:00 e Do 03.12, 18:15
The Inner Eye (Satyajit Ray, 1972 - 21’, Inglese)
My Dreams (Ismat Chugtai, 1975 – 13’, Urdu)
Before My Eyes (Mani Kaul, 1989 - 26’, Music) R. Sa 18.11, 16:00 e Do 03.12, 18:15
R. intero programma Do 03.12, 16:00
Events in a Cloud Chamber (Ashim Ahluwalia, 2016 – 21’, Hindi)

ore 20:30 
Radha and Krishna (Jean Bhownagary, 1957, 22’, Hindi)
Nainsukh (Amit Dutta, 2010, 90’, Kangri, dogri)
R. intero programma Ve 01.12, 18:00


Domenica 12 novembre


ore 11:00
India: Film and the Other Artistic Languages
partecipano: Udayan Vajpeyi, Deepti DCunha e Iyesha Geeth Abbas
modera: Marco Müller
Incontro aperto al pubblico. Entrata libera.

ore 16:00
Birju Maharaj (Chidananda Das Gupta, 1972, 20’, Hindi) R. Do 17.12, 16:00
Kathak (Sukhdev, 1970, 22’, Inglese) R. Do 17.12, 16:00
Dagar (Arvind Sinha, 2007, 60’, Hindi, urdu)

ore 18:30 
And I Make Short Films (S.N.S Sastry, 1968, 16’, Inglese)
Amir Khan (S.N.S Sastry, 1970, 19’, Urdu)
Raga 1 India, Raga 2 India (S.N.S. Sastry, 1974, 6’, Senza dialoghi)
Moments with the Maestro (Pramod Pati, 1970, 17’, Inglese)
Ustad Alla Rakha (Chandrashekhar Nair, 1970, 12’, Urdu)

ore 20:30
Jangarh Film Ek/Jangarh Film One (Amit Dutta, 2008, 24’, Hindi)
Gitagovinda (Amit Dutta, 2013, 35’, Senza dialoghi)
Chitrashala/House of Paintings (Amit Dutta, 2015, 20’, Senza dialoghi)


Giovedì 16 novembre


ore 16:00
Bala (Satyajit Ray, 1976, 32’, Inglese, tamil)
Marattam/Masquerade (G. Aravindan, 1988, 90’, Malayalam)
R. intero programma Do 17.12, 11:00

ore 18:15
Yakshagana (Adoor Gopalakrishnan, 1979, 20’, Inglese)
Guru Chengannur (Adoor Gopalakrishnan, 1974, 19’, Hindi, malayalam)
Kalamandalam Gopi (Adoor Gopalakrishnan, 1999, 43’, Hindi, malayalam)
The Chola Heritage (Adoor Gopalakrishnan, 1980, 16’, Inglese)
R. intero programma Do 17.12, 16:00
Khajuraho Millennium (Kamal Swaroop, 1999, 27’, Hindi)

ore 20:30
Shankarabharanam/The Jewel of Shiva (K. Viswanath, 1979, 143’, Telugu)
R. Do 17.12, 19:00


Venerdì 17 novembre


ore 16:00
Khayal Gatha/Khayal Saga (Kumar Shahani, 1988, 103’, Hindi) R. Ma 05.12, 16:45

ore 18:00
Bhavantarana (Kumar Shahani, 1991, 62’, Odiya)R. Ma 05.12, 21:00
Meeting a Milestone: Ustad Bismillah Khan (Goutam Ghose, 1989, 90’, Urdu)R. Gi 30.11, 16:00

ore 21:00
Dhrupad (Mani Kaul, 1982, 72’, Hindi) R. Do 03.12, 18:15


Sabato 18 novembre


ore 16:00
Forms and Design (Mani Kaul, 1968, 11’, Inglese) R. Do 03.12, 16:00 e 18:15
Before My Eyes (Mani Kaul, 1989, 26’, Senza dialoghi)R. Do 03.12, 16:00 e 18:15
Bamboo Flute/ Birah Bhariyo Ghar Aangan Kone (Kumar Shahani, 2000, 59’, Hindi, braj bhasha, tamil, francese)R. Ma 05.12, 21:00

ore 18:30
Scenes from a Sketchbook (Amit Dutta, 2016, 21’, Pahari)
Lal Bhi Udhaas Ho Sakta Hai/Even Red Can Be Sad (Amit Dutta, 2015, 60’, Hindi)
R. intero programma Sa 02.12, 18:30

ore 20:30
Siddheshwari (Mani Kaul, 1989, 89’, Hindi) R. Ma 05.12, 19:00


Domenica 19 novembre


ore 16:00
Contours of a Linear Rythm: A Portrait of Artist Namboothiri (G.Aravindan, 1987, 17', Malayalam)
R. Ma 05.12, 16:45
Mati Manas/The Mind of Clay (Mani Kaul, 1984, 91’, Hindi)R. Ma 05.12, 15:00

ore 18:30 
Chandralekha (S.S. Vasan, 1948, 210’, Tamil)


Giovedì 30 novembre


ore 16:00 
Meeting a Milestone: Ustad Bismillah Khan (Goutam Ghose, 1989, 90’, Urdu)

ore 18:30
Music of Satyajit Ray (Utpalendu Chakraborty, 1984, 51’, Inglese, bangla)

ore 20:30
Pakarnattam (M.R. Rajan, C.S.Venkiteswaran, 1996 - 70’, Kutiyattam)


Venerdì 1 dicembre


ore 16:00
Jangarh Film Ek/Jangarh Film One (Amit Dutta, 2008, 24’, Hindi)
Gitagovinda (Amit Dutta, 2013, 35’, Senza dialoghi)
Chitrashala/House of Paintings (Amit Dutta, 2015, 20’, Senza dialoghi)

ore 18:00
Radha and Krishna (Jean Bhownagary, 1959, 22’, Hindi)
Nainsukh (Amit Dutta, 2010, 90’, Kangri, dogri)

ore 20:15
Chandralekha (S.S. Vasan, 1948, 210’, Tamil)


Sabato 2 dicembre


ore 16:00
Museum of Imagination (Amit Dutta, 2012, 20’, Senza dialoghi)
The Seventh Walk (Amit Dutta, 2013 - 70’)

ore 18:30
Scenes from a Sketchbook (Amit Dutta, 2016, 21’, Pahari)
Lal Bhi Udhaas Ho Sakta Hai/Even Red Can Be Sad (Amit Dutta, 2015, 60’, Hindi)

ore 20:30
Agyat Shilpi/The Unknown Craftsman (Amit Dutta, 2017, 89’, Gaddi) 


Domenica 3 dicembre


ore 16:00
Through the Eyes of a Painter (Maqbool Fida Husain, 1968, 18’, Senza dialoghi)
Forms and Design (Mani Kaul, 1968, 11’, Inglese) 
The Inner Eye (Satyajit Ray, 1972, 21’, Inglese)
My Dreams (Ismat Chugtai, 1975, 13’, Urdu)
Before My Eyes (Mani Kaul, 1989, 26’, Senza dialoghi) 
Events in a Cloud Chamber (Ashim Ahluwalia, 2016, 21’, Hindi)

ore 18:15
Forms and Design (Mani Kaul, 1968, 11’, Inglese) 
Before My Eyes (Mani Kaul, 1989, 26’, Senza dialoghi) 
Dhrupad (Mani Kaul, 1982, 72’, Hindi)

ore 20:30
Pakeezah/The Pure (Kamal Amrohi, 1971, 147’, Urdu)


Lunedì 4 dicembre


ore 15:30
Purna/Apurna (Finished/Unfinished) (Amit Dutta, 2015, 240’, Pahari)

ore 20:00
Navrang/Nine Colours (V. Shantaram, 1959, 157’, Hindi)


Martedì 5 dicembre


ore 15:00
Mati Manas/The Mind of Clay (Mani Kaul, 1984, 91’, Hindi)

ore 16:45
Contours of a Linear Rythm: A Portrait of Artist Namboothiri (G. Aravindan, 1987, 17', Malayalam) 
Khayal Gatha/Khayal Saga (Kumar Shahani, 1988, 103’, Hindi)

ore 19:00 
Siddheshwari (Mani Kaul, 1989, 89’, Hindi)

ore 21:00
Pakeezah/The Pure (Kamal Amrohi, 1971, 147’, Urdu)


Il cinema e le forme della danza | In collaborazione con LuganoInScena


Sabato 16 dicembre


ore 15:00
Kalpana/Imagination (Uday Shankar, 1948, 160’, Hindi) 


Domenica 17 dicembre


ore 11:00
Bala (Satyajit Ray, 1976, 32’, Inglese, tamil)
Marattam/Masquerade (G.Aravindan, 1988, 90’, Malayalam)

ore 16:00
Yakshagana (Adoor Gopalakrishnan, 1979, 20’, Inglese)
Guru Chengannur (Adoor Gopalakrishnan, 1974, 19’, Hindi, malayalam)
Kalamandalam Gopi (Adoor Gopalakrishnan, 1999, 43’, Hindi, malayalam)
The Chola Heritage (Adoor Gopalakrishnan, 1980, 16’, Inglese)
Birju Maharaj (Chidananda Das Gupta, 1972, 20’, Hindi)
Kathak (S. Sukhdev, 1970m, 22’, Inglese)

ore 19:00
Shankarabharanam/The Jewel of Shiva (K. Viswanath, 1979, 143’, Telugu)



La rassegna

Già nelle antiche culture indiane si studiava la possibilità di coordinare colori e suoni, pitture (miniature) e musica. Diverse denominazioni e aggettivazioni – appartenenti in origine alle arti visive – vennero presto affiancate a quelle del sistema sonoro-musicale e questa assimilazione di due mondi percettivi differenti è continuata in epoca moderna, tanto da essere reinventata grazie alle sperimentazioni dei maggiori registi. Dal secondo dopoguerra in poi, il cinema indiano dimostra una volontà di “sinestesia”, di uno scambio continuo fra cinema, musica e arti visive e dello spazio. Non è un caso infatti se alcuni fra i protagonisti del rinnovamento del cinema indiano abbiano spesso firmato le colonne sonore dei propri film (e addirittura di quelli di altri cineasti). Il caso più clamoroso è quello del grande regista bengalese Satyajit Ray: in tutte le sue opere – da Tīn kanyā (Tre figlie, 1961) fino all’ultimo film Agantuk (Lo straniero, 1991) – le colonne sonore sono proprie composizioni. Ray è stato autore infatti anche di alcuni film-saggio sulla danza e sull’architettura. La compenetrazione di mondi artistici differenti è stata portata avanti anche dall’avanguardia cinematografica più radicale: molti degli esperimenti legati all’arte moderna – il cinema in quest’ottica diviene la continuazione e il superamento delle arti visive classiche – sono stati sostanziati dalla conoscenza e dal riferimento costante alla musica e alla pittura classica. Molti registi infatti non si sono limitati a un’unica espressione artistica, ma hanno dato vita a una produzione poliedrica. In tal modo concezioni eterogenee dell’avanguardia hanno potuto coesistere con la tradizione. Questo è accaduto, ad esempio, nelle opere del grande innovatore bengalese Ritwik Ghatak e in quelle dei suoi migliori discepoli, Mani Kaul, Kumar Shahani, John Abraham e Goutam Ghose. La parte migliore del cinema indiano moderno e contemporaneo ha sempre lavorato alla creazione/reinvenzione di nuovi “paradigmi” estetici, che si sono arricchiti anche grazie a un rapporto forte con la danza e il teatro. È al cinema, infatti, che, subito dopo l’Indipendenza, ha scelto di avvicinarsi il coreografo Uday Shankar, per popolarizzare le sue innovazioni e le nuove forme di danza – la sua unica regia si chiama, significativamente, Kalpana (Immaginazione, 1948). È nel cinema che due dei pittori più “eretici”, Maqbool Fida Husain e Akbar Padamsee, combattuti entrambi dall’integralismo religioso, hanno potuto continuare le loro sperimentazioni creative. È attraverso il cinema che la “scandalosa” scrittrice Ismat Chughtai può trascrivere visivamente alcune pagine importanti della poesia moderna. La Nouvelle Vague indiana degli anni Sessanta ha il suo capofila in Mani Kaul, al tempo regista cinematografico (stilisticamente e politicamente radicale) e uno degli ultimi esponenti del Dhrupad, il più antico stile ancora praticato di musica spirituale e contemplativa. Sin dal primo lavoro cinematografi co, Forms and Design (Forme e disegno, 1968), il suo riferimento alla pittura e all’architettura – oltre che alla musica – è stato costante. Più interessato a esplorare le possibilità di una forma che a verifi care se quella forma potesse o meno veicolare tesi preconcette, Kaul ha sempre montato i suoi fi lm come se stesse componendo un brano di musica classica indiana, spostando un’inquadratura per farla aderire a un modo, un ritmo (anche contro la logica, la cronologia) fi no a trovare la posizione giusta per quella “nota tenuta”. Il suo metodo di montaggio farà scuola, tanto da rimanere ancora oggi un riferimento per il cinema di poesia (e per il cinema documentaristico, come dimostrano i lavori di S. N. Sastry). In parallelo a Kaul, i registi Aravindan (anche compositore di colonne sonore, per sé e per altri) e Adoor Gopalakrishan – due dei principali esponenti del nuovo cinema del Sud dell’India – hanno studiato e praticato la danza e il teatro della tradizione, ai quali hanno dedicato un piccolo, ma prezioso corpus di lavori cinematografi ci. Tutte queste vicende creative, dagli anni Sessanta agli anni Novanta, hanno continuato a produrre fi liazioni nel cinema indiano contemporaneo. L’esempio più signifi cativo è quello del più importante cineasta odierno di ricerca, Amit Dutta. Con ostinazione, Dutta si è servito delle arti della tradizione per esplorare i nuovi territori del cinema espanso (e dell’oltre-il-cinema): i protagonisti dei suoi capolavori narrativi, Nainsukh (2010) e The Unknown Craftsman (Il mastro artigiano sconosciuto, 2017) sono, rispettivamente, Nainsukh di Guler, il maestro della miniatura pahari “delle montagne” (vissuto tra il 1710 e il 1778), e l’ignoto costruttore dei templi rupestri di Masrur (VIII secolo). Questa rassegna cinematografi ca è anche un inedito percorso attraverso settanta anni di vicende artistiche (dall’Indipendenza al presente) dell’India. Un’occasione unica per scoprire fi nalmente un continente audio-visivo largamente inesplorato in Occidente.

Marco Müller
Curatore della rassegna